Nell’articolo precedente abbiamo descritto la tecnica stoica della premeditazione delle avversità. In questo articolo analizziamo il cambiamento psicologico che si ottiene usando al meglio e con costanza questa strategia cara agli stoici.

L’abitudine emotiva è il risultato più importante che si ottiene con un’esposizione in immaginazione come la premeditazione delle avversità. Tuttavia, come illustra Donal Robertson nel suo libro A dieci passi dalla felicità (How to Think Like a Roman Emperor), possiamo attivare un numero sorprendente di altri processi psicologici positivi quando immaginiamo con pazienza e costanza eventi stressanti. Le persone a cui viene chiesto di rivivere in questo modo situazioni emotive possono sperimentare uno o più dei seguenti cambiamenti:

  1. allenamento emotivo: quando ansia o altri sentimenti negativi si attenuano naturalmente nel tempo grazie all’esposizione a situazioni che ci spaventano;
  2. accettazione emotiva: quando gradualmente smettiamo di opporci a sentimenti sgradevoli come il dolore e l’ansia, ma cominciamo a osservarli con sempre maggiore indifferenza e impariamo a conviverci, una cosa che, paradossalmente, spesso allevia il senso di angoscia;
  3. distanziamento cognitivo: quando riusciamo a osservare pensieri e convinzioni con sempre maggiore distacco e cominciamo a notare che non sono le cose in sé a turbarci ma il giudizio che ne diamo noi;
  4. decatastrofizzazione: quando, gradualmente, riclassifichiamo i nostri giudizi sulla gravità di una situazione, su come appare terribile, passando da “E se succede questo? Come farò?” a “E allora? Non è la fine del mondo”;
  5. analisi della realtà: quando verifichiamo le nostre supposizioni riguardo una situazione, per renderle sempre più realistiche e oggettive; per esempio, riconsiderare la probabilità che si verifichi l’ipotesi peggiore o che capiti qualcosa di brutto;
  6. problem-solving: quando l’analisi di un evento ci permette di trovare una soluzione creativa a un problema, come Marco Aurelio e i suoi generali, che, paradossalmente, fecero cadere di proposito i legionari nell’imboscata dei Sarmati, per tendere una trappola al nemico;
  7. simulazione comportamentale: quando miglioriamo la sensazione di riuscire ad affrontare situazioni difficili immaginando di mettere in pratica abilità e strategie sempre più affinate, per esempio, immaginando modi più assertivi di affrontare le critiche fino a quando non ci sentiamo sicuri di riuscire a farlo anche nella realtà. Possiamo imitare il comportamento di persone che ammiriamo e a cui vogliamo assomigliare: pensiamo a cosa farebbero loro e poi immaginiamo noi stessi fare altrettanto.

Donal Robertson ha scoperto che dire ai suoi pazienti che altre persone spesso sperimentano questi cambiamenti è utile perché li rende più consapevoli di ciò che sta accadendo nella loro mente e induce i cambiamenti stessi a verificarsi in modo ancora più spontaneo.

Come vedremo nei prossimi articoli, è anche possibile innescare di proposito questi meccanismo, utilizzando diverse tecniche psicologiche.

Bibliografia:
– Pensieri di Marco Aurelio
– A dieci passi dalla felicità di Donald Robertson

Iscriviti allo Stoic Life Daily

Ricevi GRATIS dal lunedì al venerdì un concetto, un principio o una strategia stoica quotidiana per affrontare al meglio la tua giornata.


Se ti interessa la filosofia greco-romana ti consiglio di seguire il mio blog su world.hey.com. In questo spazio non esiste un piano editoriale né un filo conduttore tra ciò che scrivo. Per dirla con Eraclito, tutto scorre…

Troverai idee, concetti, massime, passi e pillole sulla filosofia greco-romana, in particolare su Socrate e lo Stoicismo.

Vai al Blog di Marco su Hey.com

Commenti di: Il cambiamento psicologico che puoi ottenere con la praemeditatio malorum

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *