In generale, ciascuno di noi è come se fosse circoscritto da molti cerchi, alcuni più piccoli e altri più grandi, alcuni che circoscrivono e altri che vengono inscritti, a seconda delle loro differenti e ineguali relazioni reciproche. Il primo cerchio, che è il più vicino, è quello che la persona ha tracciato intorno alla propria mente come attorno a un centro; in questo cerchio sono inclusi il corpo e le realtà perseguite in funzione del corpo. Tale cerchio è il più piccolo e quasi tocca il proprio centro. Il secondo cerchio, che è più distante dal centro e che circoscrive il primo, è quello in cui si situano i genitori, i fratelli, la moglie e i figli. Il terzo cerchio è quello in cui si trovano gli zii e le zie, i nonni e le nonne, i figli dei fratelli e anche i cugini. Subito dopo v’è il cerchio che include i congiunti e, immediatamente dopo, quello che comprende gli appartenenti al proprio demo e poi quello che racchiude gli appartenenti alla propria tribù; dopo ancora, quello dei concittadini e poi, allo stesso modo, il cerchio delle persone delle città vicine e il cerchio degli uomini del medesimo gruppo etnico. Il cerchio più lontano e più ampio, che circoscrive tutti gli altri, è quello della razza umana. Quando si sia considerato questo, è essenziale che ognuno si sforzi di utilizzare adeguatamente ogni cosa per trarre in qualche modo i cerchi verso il centro e per trasporre le persone dai cerchi che circoscrivono a quelli inscritti. Per chi è mosso dall’amore familiare, ciò significa [considerare] i genitori e i fratelli, e ancora, per la stessa analogia, considerare i congiunti più vecchi, maschi e femmine, come nonni o zii o zie e quelli della propria età come cugini e i più giovani come figli di cugini.
Ierocle, Elementi di etica

Gli stoici hanno ereditato da Socrate il principio del cosmopolitismo e ne hanno fatto un cardine della loro filosofia. Lo stoico del II secolo d.C. Ierocle riassume questo principio immaginando le relazioni come una serie di cerchi, che a partire da noi si muovono verso l’esterno fino a includere le persone che ci sono vicine, quelle un po’ più distanti e infine l’intera umanità.

Il moderno filosofo utilitarista Peter Singer ha proposto una metafora simile, anche se là dove Ierocle parla di trarre verso il centro i cerchi esterni per avvicinare a noi ciò che hanno a cuore le altre persone, Singer, in modo equivalente, parla di espandere la nostra sfera di considerazione agli altri.

In un modo o nell’altro, il concetto è il medesimo.

Gli stoici sono giunti a questo principio tramite la loro dottrina della oikeiôsis, un termine difficile da tradurre ma che è spesso reso come appropriazione, nel senso di appropriarsi del bene degli altri in modo da considerarlo affar nostro. Si tratta di avere a cuore ciò che accade agli altri, come abbiamo naturalmente a cuore ciò che accade a noi.

L’oikeiôsis è la ragione per cui il cerchio centrale siamo noi: non perché siamo il centro dell’universo, ma perché è naturale per noi tenere al nostro benessere. Quando sviluppiamo la moralità, diventa altrettanto naturale avere a cuore il bene di coloro che ci sono più vicini, vale a dire i nostri genitori, o chi ci ha cresciuti, e i nostri fratelli e sorelle.

Gli stoici credevano che quando entriamo nell’età della ragione (circa a sette anni, una soglia approssimativa supportata dalla moderna ricerca sullo sviluppo cognitivo) acquisiamo la capacità di andare oltre l’istinto.

Sviluppando la razionalità riusciamo a comprendere che tutti gli esseri umani sono membri della nostra società e che dovremmo essere attenti anche al loro benessere, estendendo la nostra considerazione oltre coloro che ci sono capitati come parenti alla nascita. Ed è così che funziona il processo di oikeiôsis: iniziamo con i nostri istinti naturali come animali sociali, poi la ragione ci guida nell’appropriazione progressiva del bene degli altri. È per questo che dobbiamo trattare tutti in modo equo e giusto.

Qualcuno potrà argomentare che ai cerchi elencati da Ierocle gli stoici moderni possono aggiungerne altri, fino a includere ogni essere senziente e capace di sofferenza. È ciò che sostiene Peter Singer nel suo saggio fondamentale Liberazione animale. L’idea di espandere a tal punto la nostra considerazione agli animali ha rappresentato la scintilla da cui è nato il movimento animalista. Dopotutto, come sostiene correttamente un altro filosofo utilitarista (in realtà, il fondatore di questa scuola), Jeremy Bentham, nel suo Introduzione ai principi della morale e della legislazione: La domanda da porre non è: “Possono ragionare?”, né “Possono parlare?” ma “Possono soffrire?”.

Bibliografia:
– Liberazione animale di Peter Singer
– Stoicismo. Esercizi spirituali di Massimo Pigliucci

Iscriviti allo Stoic Life Daily

Ricevi GRATIS dal lunedì al venerdì un concetto, un principio o una strategia stoica quotidiana per affrontare al meglio la tua giornata.


Se ti interessa la filosofia greco-romana ti consiglio di seguire il mio blog su world.hey.com. In questo spazio non esiste un piano editoriale né un filo conduttore tra ciò che scrivo. Per dirla con Eraclito, tutto scorre…

Troverai idee, concetti, massime, passi e pillole sulla filosofia greco-romana, in particolare su Socrate e lo Stoicismo.

Vai al Blog di Marco su Hey.com

Commenti di: Oikeiosis: abbi a cuore ciò che accade agli altri come hai a cuore ciò che accade a te

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *